PANE IN CASSETTA AL LATTE CON FICHI SECCHI, UVETTA E MANDORLE

cof

 

Esistono le seconde possibilità? E le terze possibilità?
Esistono tutte le possibilità che vogliamo concederci e che vogliamo concedere agli altri.
Dobbiamo perdonarci per poter perdonare gli altri, dobbiamo amarci per amare gli altri e dobbiamo smetterla di pianificare tutto e voler controllare tutto.
Forse il tempo e la saggezza potranno aiutarci in questo.
Forse il dolore che attraversiamo, davvero, ci fortifica ed a volte questo fortificarci in un certo senso ci cambia, ci rende più duri e meno illusi: le cicatrici non sempre sono solo quelle esterne, spesso sono anche quelle che ci graffiano il cuore oppure quelle che quando le guardiamo ci ricordano la grande sofferenza.

Ma non fermiamoci a questo, non attacchiamoci al dolore perché abbiamo paura di essere felici, non guardiamo la cicatrice come ad un segno del dolore, ma come qualcosa da cui siamo guariti e da cui siamo usciti più forti.

La primavera non è solo la rinasciate della natura, ma anche della nostra; come da un albero con i rami spezzati nascono nuove gemme, così anche noi rinasciamo in modi nuovi e non come vorremmo noi, ma rinasciamo.

La ricetta di oggi spero che oltre a leggerla, la vogliate replicare, perché nel fare il pane c’è tutta una gestualità ed una manualità che ci aiuta a prendere contatto con la parte più sincera che abbiamo in noi.

INGREDIENTI

250 gr farina manitoba
100 gr farina integrale
150 gr farina 0
300 ml di latte
1 cucchiaio abbondante di miele
una manciata di mandorle sgusciate
8 fichi secchi
una manciata di uvetta 10 gr di lievito secco disidratato
10 gr di sale fino

PROCEDIMENTO

Nella ciotola della planetaria versare le farine, il miele, il lievito disidratato e il latte leggermente intiepidito (attenzione che se troppo caldo ucciderà il lievito) ed azionare la macchina.
Mentre la macchina è in azione aggiungere i fichi tagliati o a fettine o spicchi, le mandorle intere e l’uvetta precedentemente ammorbidita in acqua tiepida e scolata.
Quando l’impasto sarà quasi più omogeneo aggiungere il sale e finire di incordare l’impasto.
Ci vorranno circa 10 minuti e per capire se l’impasto è pronto deve essere bello elastico e liscio.
A questo punto metterlo in una ciotola ben oliata e coprirlo con un coperchio e lasciar lievitare in un luogo caldo (per non sprecare la luce del forno, va benissimo anche avvolgerlo in una bella coperta) ed aspettare fino a quando l’impasto non sarà raddoppiato.

A questo punto, riprendere l’impasto e su un piano di lavoro leggermente infarinato stendere l’impasto e dargli la forma di un rettangolo senza però sgonfiarlo troppo e arrotolarlo su sé stesso e parlo in uno stampo da plum-cake precedentemente coperto da carta forno.
Lasciarlo riposare ancora una 40-45 minuti e prima che sia passato il tempo accendere il forno e portarlo a 200 gradi.
Prima di infornare spennellate la superficie con un pochino di latte intiepidito e praticate dei tagli nella forma che preferite, questo aiuterà il pane a crescere in forno.
Per la cottura ci vorranno circa 40 minuti (i tempi cambiano da forno a forno), ma suddivisi in questo modo: i primi 10-12 minuti a 200 gradi, dopo abbassare il forno a 180 gradi e procedere per altri 30 minuti; a questo punto se vi sembra cotto potete toglierlo dal forno e dallo stampo e metterlo a raffreddare su una gratella, se invece vi sembra ancora un pochino pesante o poco cotto alla base potete toglierlo dallo stampo e lasciarlo in forno a 180 gradi per 3-5 minuti.

Per capire se è cotto il pane deve essere leggero e se suonate il fondo con un cucchiaio di legno deve suonare “vuoto”.
Lasciar raffreddare prima di tagliarlo a fette.
Adatto a qualunque momento della giornata.

Lo spazio sotto è per i vostri commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...