“Il ciclo dei robot” di Isaac Asimov

20180512_144524.jpgVi ho sempre parlato di questa serie abbinata al Ciclo delle fondazioni ma, avendo deciso di dedicare loro una recensione, ho preferito parlarvene singolarmente perchè, nonostante siano profondamente legate, sono due serie molto diverse. Quindi oggi vi parlo del Ciclo dei robot e prossimamente del Ciclo delle fondazioni.

Questa serie è formata da quattro libri: Abissi d’acciaio, Il sole nudo, I robot dell’alba e I robot e l’impero. In fondo all’articolo trovate i link di tutti i libri ad amazon, se vi interessa, dovrebbero trovarsi abbastanza facilmente.

Le storie singole sono gialli, al cui centro c’è Elija Baley, un poliziotto di mezza età, con una moglie e un figlio, che abita su una Terra profondamente diversa da come la conosciamo oggi. In quel tempo gli umani abitano tutti sottoterra, mentre in superficie sono i robot a lavorare la terra. Nessun terrestre esce all’aria aperta volentieri e, anzi, il solo pensiero può causare molta ansia. Non sono invitati a farlo anche dal fatto che non si fidano dei robot, a differenza degli spaziali (umani che hanno colonizzato cinquanta pianeti diverso tempo prima) che vivono a stretto contatto coi robot.

L’avversione di Elija per i robot, però, dovrà confrontarsi con R. Daneel Olivaw (in cui la “R” sta per “Robot”), che diventa forzatamente suo collega nel primo libro. Daneel è un robot esteticamente uguale ad un essere umano, ma ovviamente i suoi comportamenti tradiscono la sua natura, per la sua intelligenza e ovviamente l’ubbidienza alle tre leggi della robotica. Penso che le conosciate, ma per sicurezza ve le trascrivo:

1. Un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un essere umano riceva danno;
2. Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non contravvengano alla Prima Legge;
3. Un robot deve proteggere la propria esistenza, purché questa autodifesa non contrasti con la Prima o con la Seconda Legge.

Insieme a Daneel, Elija indagherà su alcuni crimini. I primi tre libri si svolgono ognuno su un pianeta diverso (Terra, Solaria e Aurora), dandoci modo di conoscere a fondo la cultura di chi ci vive. Aurora e Solaria sono abitati anch’essi da umani, ma ormai molto diversi dai terrestri, non fisicamente, ma nei modi di vivere. Sono molto longevi e hanno molti robot al loro servizio, soprattutto i solariani. Asimov è bravissimo a descrivere questi diversi tipi umani perchè, pur non essendo realistici del tutto, è stato in grado di portare agli estremi tendenze che già ci sono oggi (se avessimo a nostra disposizione dei robot, anche noi non usciremo molto meno di casa, non trovate? Già lo facciamo oggi con internet).

L’ultimo libro, invece, è ambientato diverse generazioni dopo, Elija è morto, ma Daneel c’è ancora e con un altro robot, Giskard, assisterà in modo molto diretto ad una svolta epocale per l’umanità, che si avvicina sempre di più a fondare l’Impero, i cui strascichi vediamo nel Ciclo delle fondazioni.

Nonostante per il gusto odierno questi libri sono poco emozionanti e la fantascienza contenuta qui è ormai sentita e risentita, sono libri geniali, le descrizioni dei pianeti spaziali sono molto divertenti e i personaggi amabili. Daneel e Giskard, in particolare, farete fatica a dimenticarli, sopratutto dopo I robot e l’impero, dove la narrazione è intervallata dai loro inusuali dialoghi, che ci mostrano come due robot interpretano quello che sta succedendo e decidono come agire.

Se avete intenzione di leggere entrambe le serie, vi consiglio di leggere i libri in ordine di pubblicazione, alternando di conseguenza i due cicli. Gli ultimi libri di entrambi si citano e si svelano i misteri a vicenda, quindi rischiate di rovinarvi alcune soprese se non seguite l’ordine di pubblicazione. Ma è solo un consiglio, perchè sono comunque serie indipendenti e autosufficienti.

Fabiana

P. S. Ho iniziato una campagna di crowdfunding per la mia raccolta di racconti, in cui prendono la parola alcuni oggetti e riflettono su temi come la scoperta e l’accettazione della propria identità, il ruolo e il potere dell’arte, il vero significato delle relazioni interpersonali, la paura del cambiamento e i pregiudizi sul diverso, la nascita di un mito da un evento reale, la solitudine e la depressione. Il tutto in una narrazione che riesce ad alternare sapientemente un estremo realismo a un pizzico di fantasia. Ve ne parlo bene in questo articolo.

Vi lascio il link per leggere un’anteprima e eventualmente prenotare una copia per sostenermi: Oggetti in persona. Se prenoterete una copia avrete un libro in omaggio tra quelli offerti dalla casa editrice.

Se non ve la sentite di fare l’investimento di prenotare una copia, potete utilizzare il nostro link di affiliazione amazon, voi non spenderete nulla in più, ma la commissione che amazon ci darà verrà utilizzata per il mio progetto

Abissi d’acciaio

Il sole nudo

I robot dell’alba

I robot e l’impero

4 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...